TOUR IN VALLE D'AOSTA

DhRpVyKWsAAe3c7

TOUR IN VALLE D'AOSTA

UN ITINERARIO TRA NATURA E CASTELLI

29/30 AGOSTO

Programma di viaggio:

Sabato 29 Agosto     CASTEL SAVOIA e CASTELLO DI SARRE - AOSTA
Ritrovo nei luoghi e agli orari stabiliti in fase di prenotazione. Sistemazione in pullman e inizio viaggio via Lecco-Autostrada per Torino fino al raccordo di Santhià. Sosta in Autogrill. Proseguimento per Pont St. Martin punto d’ingresso in Val d’Aosta arrivando da est.
Ore 11.15 arrivo a GRESSONEY-SAINT-JEAN per la visita guidata a CASTEL SAVOIA. Realizzato per volere della regina Margherita, il castello medievale ha un aspetto fiabesco con cinque torrette, una diversa dall’altra, che cingono l’edificio centrale. L’interno è riccamente decorato da pitture ornamentali e ovunque ricorrono richiami al fiore della margherita, in riferimento al nome della regina, le cui iniziali si riconoscono spesso nella dimora; cornici ornamentali ripropongono al loro interno i motti di casa Savoia. Tra le dipendenze sono da segnalare la Villa Belvedere, antica foresteria, e il Romitaggio Carducci, dedicato alla memoria del poeta. Terminata la visita si raggiunge l’Hotel. Sistemazione nelle camere e pranzo. Nel primo pomeriggio si raggiunge la località Lalex dove, su un poggio terrazzato ricco di vigneti, si erge il CASTELLO DI SARRE. Incontro con la guida e visita.
Il castello può essere considerato un museo che testimonia la presenza della famiglia Savoia in Valle d’Aosta.
Costruito nel 1710 da Giovanni Francesco Ferrod di Arvier sui resti di una casa forte del 1242, dopo vari passaggi di proprietà fu acquistato nel 1869 dal re d’Italia Vittorio Emanuele II, che lo ristrutturò e lo utilizzò come residenza durante le sue battute di caccia in Valle d’Aosta.
Il castello reale di Sarre, entrato a far parte del patrimonio privato di Sua Maestà, divenne allora il quartiere generale utilizzato dal re per le sue spedizioni nelle valli vicine. Per ospitare il primo re d’Italia la dimora subì alcune modifiche, tra le quali la sopraelevazione della torre e la costruzione di una nuova scuderia. All’interno, gli ambienti furono completamente ristrutturati e rimodernati. Anche il successore di Vittorio Emanuele, Umberto I (1844-1900) destinò il castello alpino decise di modificarlo ulteriormente, rinnovando l’interno e facendo realizzare il suggestivo “salone delle corna”, ornato con trofei di stambecco e camoscio.
Il castello fu abitato per villeggiatura dalla regina Maria José anche negli anni successivi alla monarchia.
Nel 1989 venne acquistato e ristrutturato dalla Regione Valle d’Aosta. L’allestimento attuale degli appartamenti reali, attraverso gli arredi, i dipinti, gli oggetti cari ai Savoia, permette al visitatore di rivivere alcuni tra i momenti importanti della storia dei Reali d’Italia. 
Terminata la visita al Castello è previsto tempo libero da trascorrere ad AOSTA nel centro storico.
Appena arrivati in città ci si imbatte nei resti perfettamente conservati del suo glorioso passato romano, l’Arco di Augusto, la Porta Praetoria, il Teatro Romano. Passeggiando si raggiunge Piazza Emile Chanoux, la piazza principale dove si affaccia il bel municipio. Si può visitare la Cattedrale con pregevoli affreschi, vetrate artistiche e mosaici. Uno dei monumenti più belli di Aosta è la Collegiata di Sant’Orso, vero gioiello medievale con un incredibile chiostro. Possibilità di acquistare nelle piccole botteghe prodotti tipici come formaggi, salumi e il tipico pane nero. Nel tardo pomeriggio rientro in Hotel. Cena e pernottamento.
 
Domenica 30 Agosto CASCATE LILLAZ - FORTEZZA DI BARD
Prima colazione in Albergo e rilascio delle camere. Sistemazione in pullman e breve trasferimento per raggiungere COGNE, un piccolo paese situato
alle porte del Parco Nazionale del Gran Paradiso da cui si gode la vista su uno dei “Quattromila” della Valle d’Aosta, il monte Gran Paradiso per l’appunto. Oltrepassata Cogne si raggiunge in bus l’abitato di Lillaz a 1611 metri sul livello del mare, con solo 90 abitanti, punto di partenza per la passeggiata nella natura che porta alle CASCATE DI LILLAZ, una breve camminata di 15 minuti. Il tempo di percorrenza si allunga perché è impossibile non fermarsi più volte e ammirare il paesaggio. Il fiume Urtier scorre formando tre salti d’acqua, cascate su più livelli che è possibile ammirare da diverse prospettive continuando a percorrere il sentiero panoramico che le costeggia. Si tratta di un percorso pienamente accessibile a tutti, essendo completamente in piano nel tratto che conduce alla prima cascata e poi in salita, ma non impegnativa e accompagnata da gradini formati dalle rocce e ringhiere, per raggiungere il secondo e il terzo salto d’acqua. Al termine della visita rientro in Albergo per il pranzo. Di seguito trasferimento al piccolissimo borgo di BARD, circa 160 abitanti su 3 km quadri di superficie. Situato all’imbocco della Valle d’Aosta e arroccato tra le montagne, lungo le sponde della Dora Baltea, racchiude tantissime testimonianze storiche e mostra il tipico assetto urbano del medioevo rimasto inalterato nel tempo. Incontro con la guida e passeggiata nel borgo tra una quarantina di case tutte antiche con portali, finestre e balconi bellissimi, tutte così unite  le une alle altre che i tetti coperti di ardesia si toccano e si confondono. Si prosegue con la visita all’imponente FORTE DI BARD, una fortezza militare posta su uno sperone roccioso a difesa dell’ingresso della valle che, interamente restaurato, ha riaperto ai visitatore nel 2006 ed è facilmente raggiungibile oltre che lungo la storica strada carrabile, con comodi ascensori avveniristici che portano fino alla cima da cui si gode un bellissimo panorama. Vera e propria fortezza, il Forte è considerato un capolavoro dell’architettura militare, compatto e massiccio, composto da caserme, camminamenti coperti, imponenti mura e feritoie. La fortezza è costituita da tre principali corpi di fabbrica posti a diversi livelli, tra i 400 e i 467 metri: dal più basso. L’Opera Ferdinando, a quello mediano, l’Opera Vittorio, e al più alto, l’Opera Carlo Alberto per un totale di 283 locali. E’ divenuta oggi un polo culturale che ospita musei stabili e mostre temporanee di alto livello. Il Museo delle Alpi è un allestimento permanente dedicato alle Alpi, con numerosi audiovisivi che illustrano gli aspetti fisici, naturalistici, storici, etnografici. 
Alle ore 17.00 circa è previsto il ritrovo al pullman e la partenza per il viaggio di rientro.
 
 
QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE                         EURO 210,00
 
Quota per sistemazione in camera singola                          EURO 250,00
 
Il viaggio verrà effettuato cIl viaggio verrà effettuato con un minimo di 25 partecipanti.
 
 
La quota comprende:

viaggio in pullman Gran Turismo – sistemazione in albergo 3 stelle in camere doppie – trattamento di pensione completa + un pranzo, bevande incluse - biglietti d’ingresso e visite guidate ai Castelli in programma - biglietto di accesso al Forte di Bard e visita guidata al borgo e alla Fortezza di Bard – accompagnatore – assicurazione.

 La quota non comprende:
le bevande durante i pasti, eventuali extra personali e tutto quanto non indicato alla voce “la quota comprende”.
 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

NAPOLI, REGGIA DI CASERTA E MOLTO ALTRO ANCORA

Napoli Destination 500x500

LA VERA NAPOLI

LA REGGIA DI CASERTA

POMPEI E ORVIETO

I CASTELLI ROMANI

DAL 13 e 18 OTTOBRE

Programma di viaggio:

I° giorno Martedì 13 Ottobre ORVIETO
Partenza in pullman Gran Turismo agli orari e nei luoghi stabiliti in fase di prenotazione. Itinerario viaggio via Lecco-Autostrada del Sole direzione Bologna-Firenze. Breve sosta in Autogrill.
Arrivo in prossimità di Firenze e pranzo in Ristorante. 
Proseguimento del viaggio per raggiungere ORVIETO dove è prevista la visita guidata al Duomo, una delle più belle cattedrali d’Italia e del mondo. Presenta una splendida facciata con guglie slanciate, sculture in bronzo, mosaici raffiguranti la vita della Vergine e il magnifico rosone centrale. L’interno presenta Cappelle di particolare pregio e bellezza con le pareti e le volte affrescate.
Passeggiata nel centro storico di Orvieto tra i palazzi signorili e le antiche case in tufo.
Proseguimento del viaggio fino a raggiungere la zona di Orte, sistemazione in Albergo nelle camere riservate. Cena e pernottamento.
2° giorno Mercoledì 14 Ottobre LA REGGIA DI CASERTA e CASERTAVECCHIA
Prima colazione, rilascio delle camere e sistemazione in pullman. Partenza per raggiungere CASERTAVECCHIA dove è previsto il pranzo in Ristorante.
Passeggiata nel borgo che conserva il nucleo originale medievale. Attraverso le stradine acciottolate si raggiunge la piazza dove si trova lo splendido duomo e il campanile. Soste per ammirare il bellissimo panorama sulla città e sulla Reggia che nel pomeriggio si andrà a visitare, parco e interni, con la guida e l’ausilio di auricolari. La REGGIA, famosa in tutto il mondo per la sua incredibile bellezza, fu costruita sul modello di Versailles: nel 1750 Carlo di Borbone decise di erigere la Reggia quale centro ideale del nuovo regno di Napoli. Dichiarata patrimonio dell’umanità nel 1997 è un grandioso complesso che ricopre un’area di circa 47,000 metri quadrati: il palazzo lungo 249 metri presenta 1200 stanze con saloni meravigliosi e arredi perfettamente conservati, 1742 finestre, 34 scale, un magnifico scalone reale a doppia rampa che porta agli appartamenti reali, 4 grandi cortili interni. Dallo scalone d’onore si raggiunge la Cappella Palatina e gli appartamenti storici, in un percorso che porta alla sala del trono lunga oltre 40 metri. Un imponente portico collega il parco che si estende per 3 chilometri di lunghezza con lunghi viali paralleli, scenografiche fontane e cascatelle, opere in marmo di Carrara, un giardino all’italiana e un giardino inglese. In fondo al parco troneggia la Grande Cascata da cui una notevole massa d’acqua precipita in un bacino adornato dalla famosa statua rappresentante Diana.
Terminate le visite il viaggio prosegue per raggiungere SORRENTO (75 km) nel tardo pomeriggio.
Sistemazione in Albergo. Cena e pernottamento. 
3° giorno Giovedì 15 Ottobre NAPOLI
Prima colazione. Giornata intera a NAPOLI che si raggiunge con un trasferimento in bus di circa 50 km.
All’arrivo in città incontro con la guida che accompagnerà alla scoperta delle contraddizioni di Napoli, città unica al mondo.
Si inizia con una panoramica in bus sul lungomare con Via Caracciolo fino a Mergellina per una foto panoramica. Per immergersi nella storia di Napoli, si prosegue con una passeggiata a piedi lungo la “SPACCANAPOLI”, la strada che taglia in linea retta buona parte della città nata dall’unione di 7 strade diverse, in pieno centro storico dichiarato Patrimonio UNESCO nel 1995. Durante questo percorso si incontrano palazzi storici, splendide chiese, tradizioni artigianali, splendide pasticcerie, …
Piccole deviazioni dall’arteria principale permettono di scoprire magnifici luoghi. Tra questi il Cristo Velato al centro della navata della Cappella di Sansevero. Il Cristo Velato è una delle opere più note e suggestive al mondo, una creazione che lascia senza fiato e senza parole, terminata nel 1753 dal giovane scultore Giuseppe Sanmartino.  Lavorando un unico blocco di marmo, è riuscito a dare vita ad una statua a grandezza naturale che rappresenta il corpo privo di vita di Gesù Cristo, ricoperto da uno straordinario velo trasparente in marmo. 
Numerose le belle piazze e le importanti chiese che si incontrano: la popolata Piazza di San Domenico Maggiore, Piazza San Lorenzo Maggiore, Piazza del Gesù Nuovo con l’obelisco e il monastero di Santa Chiara, la Cattedrale di Santa Maria Assunta con la cripta che conserva le Reliquie di San Gennaro, piazzetta Nilo con l’altarino in onore di Maradona, …
Per finire, Via San Gregorio Armeno, la “strada dei pastori” famosa per le sue innumerevoli botteghe che offrono tutto l’anno i presepi più ricchi, decorati e particolari del mondo. Statuine in terracotta delicate e preziose, di varie dimensioni e prezzi, propongono il sacro e il profano: accanto ai personaggi classici del presepe sono rappresentate anche le caricature di personaggi famosi del presente e del passato che testimoniano l’ironia e la fantasia dei napoletani. 
Pausa per il pranzo in Ristorante.
Nel pomeriggio si continua a passeggiare in centro, nei quartieri spagnoli, la zona creata nel XVI secolo come accampamento provvisorio delle truppe spagnole di stanza a Napoli che nei secoli si è trasformata in una delle zone a maggior densità abitativa della città. Per troppi anni considerata sede di degrado e simbolo negativo della città, la zona è stata giustamente rivalutata: i Quartieri Spagnoli hanno vissuto una grande rinascita e rappresentano ora l’anima più autentica di Napoli. E’ un budello stretto in cui napoletani, turisti e motorini riescono a convivere. E’ un susseguirsi di vicoli con abitazioni, locali, botteghe artigiane, murales e insegne particolari, con i panni stesi da un palazzo all’altro, i panieri calati dai balconi per tirare su la spesa, gli altarini e le teche dedicati alla Vergine Maria e ai Santi, i mercatini di pesce e verdura, …
Si raggiunge poi il quartiere del Vomero con la funicolare e da qui si sale in zona Castello per ammirare il panorama sulla città. Ridiscesi in funicolare si continua la visita di Napoli: la Galleria Umberto, il Teatro San Carlo in Piazza Plebiscito, la Piazza del Municipio, l’esterno del Maschio Angioino e una passeggiata su via Toledo, la via dello shopping.
Tempo libero a disposizione. Cena a base di pizza napoletana in ristorante selezionato.
Passeggiata serale in centro e di seguito rientro a Sorrento in pullman. Pernottamento in Hotel.
4° giorno Venerdì 16 Ottobre POMPEI
Prima colazione in Albergo. Intera giornata dedicata all’escursione a POMPEI, un affascinante percorso nel passato (26 km da Sorrento). Pompei è nota in tutto il mondo per la catastrofe che l’ha colpita nel 79 d.C. quando la città romana fu sepolta dall’eruzione del Vesuvio. Dopo quasi 2000 anni Pompei è intatta. Gli scavi permettono di comprendere la vita degli antichi romani attraverso i templi, edifici pubblici, ricche ville patrizie, antiche botteghe, osterie, … Il mattino è impegnato con la visita approfondita ai punti più importanti all’interno degli scavi di Pompei che racchiudono storia e tragedia umana: la Casa del Fauno, un’antica villa romana di circa 3000 metri quadrati, l’Anfiteatro tra i migliori conservati al mondo e tra i più grandi, il Teatro Grande che poteva contenere fino a 5000 persone, il Foro, cuore dell’attività quotidiana degli antichi abitanti di Pompei, il Tempio di Apollo, le terme.
Pausa per il pranzo in Ristorante.
Nel pomeriggio tempo a disposizione per la visita libera al bellissimo Santuario della Beata Vergine del Rosario di Pompei, uno dei santuari mariani più importanti e visitati d’Italia situato a pochi metri dagli scavi archeologici. Milioni di fedeli, ogni anno, giungono a Pompei e si recano al Santuario per pregare, chiedere grazie, sciogliere un voto, affidarsi alla Madonna. L’interno di 2.000 metri quadrati, ricco di marmi, affreschi e mosaici, può accogliere circa 6.000 persone; presenta una croce latina e tre navate e un’imponente cupola dal diametro di 57 metri. Sull’altare maggiore è la veneratissima Madonna di Pompei: una tela del ‘600 adorna di gemme. Migliaia di ex-voto, donati per “grazia ricevuta”, sono esposti nei corridoi. Sul lato sinistro della facciata un bel campanile alto 80 metri decorato in marmo e granito.
Rientro a Sorrento. Tempo libero a disposizione da trascorrere in centro, visite libere, shopping.
Possibilità di visitare una limonaia. Cena e pernottamento in Albergo.
5° giorno Sabato 17 Ottobre NAPOLI SOTTERRANEA - FRASCATI
Prima colazione in Albergo e rilascio delle camere. Trasferimento a Napoli e mattinata dedicata alla visita “NAPOLI SOTTERRANEA”, affascinante percorso nel sottosuolo di Napoli con accesso nel cuore del centro storico della città. Il percorso consente di compiere un viaggio nella storia lungo ben 2400 anni, dall’epoca greca a quella moderna, un mondo di cunicoli, gallerie e cisterne che attraversa tutta Napoli a 40 metri di profondità. Furono i Romani a costruire grosse stanze adibite a serbatoi e cisterne di acqua piovana; dal Seicento e per tutto il Settecento vennero eseguiti lavori idraulici per rendere utilizzabile l’acqua nei palazzi dei ricchi aristocratici. Durante la Seconda Guerra Mondiale, divenne il più grande rifugio antiaereo di Napoli, capace di accogliere 270.000 persone. Oggi si possono ammirare i resti dell’antico acquedotto greco-romano e dei rifugi antiaerei della Seconda Guerra Mondiale, il Museo della Guerra, gli Orti Ipogei, la Stazione Sismica “Arianna” e tanto altro ancora. 
Terminata la visita è previsto il pranzo in Ristorante.
Appuntamento al pullman e inizio del viaggio per lasciare Napoli e raggiungere, in territorio laziale, FRASCATI nel tardo pomeriggio. Giro orientativo della città dove nel bel centro storico si trova l’imponente
Cattedrale di San Pietro. Molto suggestiva è la passeggiata sul Belvedere dal quale si può ammirare un incantevole paesaggio su Roma.
Sistemazione in Hotel. Cena e pernottamento.
6° giorno Domenica 18 Ottobre Escursione ai CASTELLI ROMANI – rientro in Valtellina
Prima colazione e rilascio delle camere. Incontro con la guida e mattinata dedicata all’escursione ai Castelli Romani, un insieme di borghi arroccati sui Colli Albani che costituiscono una delle mete turistiche più gettonate del Lazio, una zona meravigliosa per sfuggire al caos di Roma. A dispetto di quello che suggerisce il nome, non si tratta di una zona di Castelli, ma di borghi arroccati sui Colli Albani, ben 17 comuni che si aprono su uno scenario di montagne, colline e laghi, ricche pianure coltivate e splendide terrazze panoramiche che spaziano su tutto il Lazio. Tutta l’area dei Colli, grazie al clima e al terreno di origine vulcanica, è zona Doc per la produzione di vino prevalentemente bianco, il Frascati, il Marino, il Castelli Romani prodotti prevalentemente con Malvasia bianca. La bontà di questi vini noti fin dall’antica Roma, è stata immortalata da poeti, scrittori e musicisti. Grazie alla grande estensione del territorio la produzione è molto varia, con bianchi, rosati e rossi con tipologie diverse, dall’amabile, al secco, al frizzante e al rosso novello.
Durante la mattinata non mancherà l’occasione di sostare in una delle famose “fraschette”, le tipiche osterie e, secondo la tradizione, gustare il vino sfuso o della casa.
L’itinerario toccherà alcuni degli splendidi borghi: ARICCIA posta su uno sperone roccioso da cui si ammira un panorama fantastico è famosa in tutto il mondo per la sua porchetta IGP, MARINO circondato da un magnifico territorio, con uno splendido centro storico e conosciuta per il pregiato vino bianco, NEMI splendido borgo di piccole dimensioni affacciato sul lago omonimo famoso al mondo per la produzione di fragoline di bosco e CASTELGANDOLFO, conosciuta in tutto il mondo perché residenza estiva del Papa. Il borgo con un elegante centro storico offre bellissimi scorci panoramici sul lago Albano, ex cratere vulcanico, e sui boschi circostanti. Durante il tour è previsto il pranzo in Ristorante tipico.
Nel primo pomeriggio sistemazione in pullman e inizio viaggio di rientro in Valtellina. Saranno previste soste in Autostrada per ristoro e per la cena libera. Arrivo nelle località di partenza in tarda serata.
 
 
QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE                         EURO 850,00
 

Supplemento per sistemazione in camera singola   Euro 140,00

 
Per motivi tecnico-organizzativi l’ordine delle visite e delle escursioni potrebbe variare
senza modificarne i contenuti.
 
Il viaggio verrà effettuato con un minimo di 30 partecipanti.
 
 
La quota comprende:

Viaggio in pullman Gran Turismo – sistemazione alberghiera in alberghi categoria 3/4 stelle in camere doppie – tassa di soggiorno – trattamento alberghiero comprensivo di tutti i pasti con bevande incluse ad esclusione della cena dell’ultimo giorno - visite ed escursioni con guida come indicate in programma e biglietti previsti per l’ingresso ai siti – impiego di auricolari – accompagnatore – assicurazione medico/bagaglio.

 La quota non comprende:
 
 eventuali extra personali e tutto quanto non indicato alla voce “la quota comprende”.
 

Il viaggio verrà effettuato con minimo 30 persone partecipanti.

L’assegnazione dei posti pullman seguirà l’ordine delle prenotazioni e prevede il distanziamento imposto dalla normativa attualmente in vigore.

Potrebbe rendersi necessario variare l’ordine delle visite/escursioni pur mantenendo invariato il programma.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

FIRENZE

7102b35a4e3e41eebc2d6d58a1cb104c

FIRENZE

Il centro storico - la Galleria degli Uffizi - i Giardini di Boboli

 17 e 18 OTTOBRE

Programma di viaggio:

1° giorno:  nella prima mattinata partenza in pullman dalla Valtellina con itinerario Tirano-Lecco-Autostrada del Sole. Sosta per ristoro e per il pranzo libero prima di arrivare in città.
Arrivo a FIRENZE e incontro con la guida per un itinerario a piedi nel centro storico per ammirare i principali monumenti che hanno reso Firenze una celebre meta turistica, passeggiando per caratteristiche strade con pittoresche e tradizionali botteghe e attraverso storiche piazze.
Il tour del centro storico, dichiarato patrimonio Unesco nel 1982, parte dalla bellissima Chiesa di Santa Maria Novella che custodisce opere d’arte dal valore inestimabile, come il Crocifisso di Giotto, la Trinità del Masaccio, gli affreschi di Botticelli, il crocifisso di Brunelleschi, ecc. Si prosegue verso Piazza Duomo per ammirare Santa Maria del Fiore, il duomo di Firenze, altro capolavoro architettonico famoso soprattutto per la cupola progettata dal Brunelleschi e per il rivestimento della facciata che lascia a bocca aperta. Di fronte al Duomo il Battistero di San Giovanni famoso per la porta del Paradiso, meravigliosa opera rivestita interamente di lastre di  marmo bianco e verde. Alzando gli occhi si ammira il famosissimo Campanile di Giotto alto più di 85 metri. In cinque minuti di passeggiata, percorrendo la famosa via dei Calzaiuoli, si raggiunge Piazza della Signoria con al centro la Fontana del Nettuno. Sulla meravigliosa piazza domina il maestoso Palazzo Vecchio e la Loggia dei Lanzi che ospita in bella vista alcune sculture molto famose come il Perseo di Benvenuto Cellini. Davanti alla facciata di Palazzo Vecchio è posta la copia del David di Michelangelo. Si prosegue fino al Ponte Vecchio che attraversa il fiume Arno in un’atmosfera d’altri tempi, coperto su entrambi i lati circondati da botteghe artigiane e negozietti molto caratteristici. Dal ponte si gode una splendida vista da immortalare con qualche scatto fotografico.
Al termine delle visite si raggiunge l’Hotel. Sistemazione nelle camere. Cena e pernottamento. Possibilità di passeggiata serale in centro,
 
2° giorno: Prima colazione in Albergo e rilascio delle camere. Passeggiata fino in centro e mattinata dedicata alla visita con guida e ausilio di auricolari alla GALLERIA DEGLI UFFIZI, capolavoro architettonico e urbanistico progettato dal Vasari per Cosimo I dei Medici. La visita guidata è programmata in piccoli gruppi con ingressi scaglionati. Le opere sono disposte cronologicamente come in un grande libro di storia dell’Arte. Si possono ammirare dipinti, sculture greche e romane, disegni ed incisioni, dal Medioevo all’età moderna.
Lo spazio espositivo più conosciuto, quello del Rinascimento, ospita la più grande collezione di quadri rinascimentali del mondo appartenuti alla famiglia Medici. Si incontreranno alcune delle più celebri opere artistiche mia esistite, capolavori assoluti dell’arte di tutti i tempi degli artisti più importanti partendo dalla sala di Giotto con le tre famose Maestà di Duccio, Giotto e Cimabue. Si ammireranno opere di Michelangelo, Lonardo da Vinci, Raffaello, Cimabue, Masaccio. E i capolavori di Botticelli “Primavera” e “Nascita di Venere” nella sala a lui dedicata. Alla fine del tour guidato sarà possibile rimanere all’interno del Museo per approfondire individualmente la visita o per un momento di relax sulla terrazza del Museo dove la vista sul centro storico è impagabile.
 
Tempo a disposizione per il pranzo libero.
 
Nel primo pomeriggio è prevista una passeggiata tra arte e verde nel cuore di Firenze. Con la guida si andrà alla scoperta del GIARDINO DI BOBOLI, uno dei giardini all’italiana più importanti al mondo, ricco di storia e di nobiltà in pieno centro città alle spalle di Palazzo Pitti. Rimasto incontaminato nell’età moderna è stato nominato nel 2013 Patrimonio Unesco. Si tratta di un vero e proprio museo all’aperto dove fontane, grotte, viali e palazzine si alternano a terrazzamenti, boschetti, limonaie, statue e laghetti che raccontano la storia di tre dinastie regnanti che lo crearono e abbellirono come giardino di palazzo. Prende il nome dalla famiglia nobile che lo fece costruire ma fu poi residenza dei Medici e in seguito della famiglia dei Lorena e dei Savoia negli anni in cui Firenze fu capitale d’Italia. La visita consente di cogliere pienamente lo spirito della vita di corte.
Nel 1400 si iniziò la realizzazione del primo nucleo in stile rinascimentale e si proseguì fino al 1800 raggiungendo un’estensione di circa 45mila metri quadrati. Divenne il modello di giardino all’italiana preso poi a esempio da molte corti europee. I giardini sono percorsi in tutta la loro lunghezza da vialetti e sentieri che creano scenografie particolari. Percorrendoli si potranno ammirare incantevoli attrazioni: la Fontana del Carciofo con un grande giglio di bronzo, il bellissimo Anfiteatro con al centro l’Obelisco egiziano, la Fontana di Nettuno con un bellissimo tridente che i fiorentini chiamano Forchetta. Si passa al Violottone, sistema di gallerie immerse nel verde di antichi lecci. Costeggiando lunghe file di cipressi si arriva all’Isolotto dove è possibile ammirare la stupenda Fontana dell’Oceano. Nella parte più alta del giardino si trova il Prato del Cavaliere con una bella vegetazione e ville nobiliari. Di grande interesse è la grotta Grande dove all’interno sono presenti stalattiti, affreschi, sculture mitologiche e la bellissima statua di Venere nuda che esce dal bagno. Una grandissima vasca ospitava pesci di diverse specie. Buffa è la statua che rappresenta il Nano Morgante, il giullare alla corte dei Medici, nudo sopra una tartaruga costruita in marmo.
Terminata la passeggiata ai Boboli ci si ritrova al pullman e inizia il viaggio di rientro in Valtellina.
Soste lungo il tragitto per ristoro e cena libera. Arrivo nelle località di partenza in tarda serata.
 
 
 
QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE                         EURO 280,00
 

Supplemento per sistemazione in camera singola   Euro 25,00

Il viaggio verrà effettuato con un minimo di 25 partecipanti.
 
 
La quota comprende:

Viaggio in pullman Gran Turismo – pernottamento e colazione in Hotel 3 stelle – tassa di soggiorno – cena con bevande incluse –

 passeggiata con guida in centro città - ingresso e visite guidate agli Uffizi e ai Giardini di Boboli – utilizzo di auricolari - accompagnatore – assicurazione.

 La quota non comprende:
 
 eventuali extra personali e tutto quanto non indicato alla voce “la quota comprende”.
 

L’assegnazione dei posti pullman seguirà l’ordine delle prenotazioni e prevede il distanziamento imposto dalla normativa attualmente in vigore.

Potrebbe rendersi necessario variare l’ordine delle visite/escursioni pur mantenendo invariato il programma.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

MINI TOUR IN BUS NELLE LANGHE PIEMONTESI

panorama barolo

MINI TOUR IN BUS 

LNELLE LANGHE PIEMONTESI

CON ITINERARIO TRA BORGHI, CASTELLI E VINO

7/8 NOVEMBRE

Programma di viaggio:

Sabato 7 Novembre
In prima mattinata incontro nei luoghi e agli orari stabiliti in fase di prenotazione. Sistemazione in pullman e inizio viaggio con itinerario Tirano-Lecco-Milano Autostrada direzione Torino. Sosta per colazione. Alle 10.30 circa arrivo ad ALBA.  Incontro con la guida e inizio escursione attraverso il territorio delle Basse Langhe, tra i più belli del Piemonte, un paesaggio vitivinicolo che dal 2014 è Patrimonio Unesco, notoriamente patria del vino, nebbiolo, barbaresco e barolo su tutti. Durante il percorso attraverso belle strade panoramiche, si incontreranno vitigni a perdita d’occhio, piccoli borghi arroccati, torri e castelli, colline che non superano i 600 metri.
Il primo paesino che si incontra è CASTIGLIONE FALLETTO di origine molto antica caratterizzato dalla presenza della fortezza con grande torrione cilindrico e quattro torri laterali. Proseguendo si raggiunge BAROLO, un piccolo borgo immerso nei vigneti e dominato dal bellissimo Castello dei Marchesi Falletti di Barolo, una potente famiglia di banchieri che divenne proprietaria del feudo intorno al 1250. Nel Castello ha sede l’innovativo Museo del Vino, il WiMu, e l’Enoteca Regionale del Barolo.
L’itinerario prosegue su e giù per le colline punteggiate di centri abitati con i loro castelli, torri e campanili in un mare di vigneti per arrivare a LA MORRA, piccolo paese di 3.000 abitanti che, a 513 metri d’altezza, domina un colle ricoperto dagli eccezionali vitigni del Nebbiolo dalle cui uve nasce il pregiatissimo Barolo anche detto l’”Oro Rosso”. Qui il Nebbiolo raggiunge i vertici della qualità. Il borgo ha ottenuto il riconoscimento di Bandiera Arancione Touring Club per l’ottima conservazione del centro storico. Il paese ha infatti mantenuto il suo impianto medievale con un intrico di viuzze e vicoletti ciottolati. Dal Belvedere di Piazza Castello si può ammirare lo splendido panorama delle Langhe e della Valle del Tanaro.
Sosta fotografica al CASTELLO DI SERRALUNGA D’ALBA, uno dei castelli della famiglia Falletti, in stupenda posizione panoramica. E’ certamente il gioiello tra i castelli della zona per la sua perfezione architettonica, e per lo stato di conservazione. Splendide sono le sue bifore, i suoi merli e le torri circolari tipiche del medioevo. 
Alle ore 13.00 circa pausa pranzo in Ristorante con menù a base di piatti tipici delle Langhe e vini locali.
Nel pomeriggio è prevista la visita al centro storico di ALBA, famosa per i suoi tartufi, i vini e le specialità gastronomiche. Alba è la patria del tartufo bianco; in autunno ogni anno la capitale delle Langhe è in piena festa: qui si svolge l’animato mercato e la Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba che attrae visitatori da ogni parte del mondo. La prelibata trifula bianca viene battuta all’asta in un’atmosfera medievale con grande passione ed entusiasmo. Detta la “Città delle 100 torri” per le sue numerose torri, alcune delle quali conservano ancora oggi il loro aspetto originale, presenta un bellissimo centro storico, un piccolo salotto attraversato da la “via Maestra”, luogo di passeggio, botteghe di tartufi, pasticcerie ed enoteche tra edifici medievali e palazzine liberty. Sulla piazza Risorgimento spicca la cattedrale di San Lorenzo e la splendida facciata del Municipio. 
Tempo a disposizione per passeggiare in centro, bere un ottimo bicchiere di barolo, andare alla ricerca del prezioso tartufo presentato dai Trifolai di Langa o acquistare il torrone artigianale prodotto esclusivamente con la nocciola “Tonda Gentile del Piemonte”.
Ritrovo al pullman e trasferimento in Albergo. Sistemazione nelle camere, cena e pernottamento.
 
Domenica 8 Novembre
Prima colazione in hotel e rilascio delle camere. Incontro con la guida per proseguire il tour in pullman. La prima sosta è nel piccolo comune di GRINZANE CAVOUR dove, sulla parte più alta, si trova l’omonimo Castello, una fortificazione massiccia e squadrata che ospitò per circa vent’anni il Conte Camillo Benso di Cavour. Cavour fu sindaco di Grinzane dal 1832 al 1849 e lasciò un’importante impronta nella regione interessandosi anche alla viticoltura. Grazie all’intuizione del Conte e della marchesa Giulia di Barolo nascono i grandi vini delle Langhe e dell’Astigiano. Oggi il Castello ospita la prima Enoteca Regionale creata negli anni ’70 dall’”Ordine dei Cavalieri del Tartufo e dei Vini d’Alba” ed è la prestigiosa sede dell'Asta Mondiale del Tartufo Bianco che si svolge il secondo fine settimana di novembre. Durante la visita, oltre ai cimeli del Conte, si possono scoprire gli usi e costumi, la cultura e la storia di queste terre. Dal giardino che circonda il castello il panorama sui vitigni sottostanti è meraviglioso.
  
Visita ad una Cantina e degustazione dei migliori vini. 
Ore 13,00 Pranzo in Ristorante con menù a base di piatti della tradizione piemontese e vini locali.
Nel pomeriggio si segue l’itinerario della strada del BARBARESCO che attraversa ordinatissimi vigneti di uva Nebbiolo che qui assume la denominazione di Barbaresco. Sosta nel piccolo borgo medievale di NEIVE iscritto a ragione nel circuito dei Borghi più Belli d’Italia con un centro storico intatto, le stradine acciottolate che salgono in maniera concentrica verso la Torre dell’Orologio, palazzi in cotto, chiese e balconi panoramici. Un gioiellino che racchiude tanti tesori, dal Palazzo del Municipio con lo stemma comunale intarsiato alla chiesa dei SS. Pietro e Paolo, alla facciata di mattoni della chiesa dell’Arciconfraternita di San Michele dal cui piazzale si ha una vista impagabile sulle colline. Un altro bellissimo borgo, a pochi chilometri da Neive, è BARBARESCO il cui simbolo è l’omonima torre a base rettangolare, che risale al dodicesimo secolo e svetta nel centro storico.
Nel tardo pomeriggio ha termine il tour e inizia il viaggio di rientro in Valtellina. Durante il percorso sono previste soste per ristoro e per la cena libera. Arrivo nelle varie località di partenza in tarda serata.
 
 
QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE                         EURO 270,00
 

Supplemento per sistemazione in camera singola   Euro 25,00

 
Per motivi tecnico-organizzativi l’ordine delle visite e delle escursioni potrebbe variare
senza modificarne i contenuti.
 
Il viaggio verrà effettuato con un minimo di 25 partecipanti.
 
 
La quota comprende:

Viaggio in pullman Gran Turismo – cena e pernottamento in Hotel 3 stelle – due pranzi tipici – bevande sempre incluse - visite guidate come da programma – degustazione in cantina – ingresso e visita al Castello di Cavour - assicurazione medico sanitaria - accompagnatore.

 

 La quota non comprende:

 eventuali extra personali e tutto quanto non indicato alla voce “la quota comprende”.
 

L’assegnazione dei posti pullman seguirà l’ordine delle prenotazioni e prevede il distanziamento imposto dalla normativa attualmente in vigore.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.