IL CENACOLO DI LEONARDO

darsena ok

IL CENACOLO DI LEONARDO

E NAVIGAZIONE DEL "NAVIGLIO GRANDE"

18 AGOSTO

 

Programma di viaggio

Partenza in pullman dalle varie località concordate in fase di prenotazione.

Ore 10.30 circa arrivo a Milano in zona Porta Ticinese. Scesi dal pullman si raggiunge l’attracco della motonave e alle ore 11.00 inizierà la navigazione sul NAVIGLIO GRANDE (durata 55 minuti con l’ausilio di auricolari) seguendo il percorso un tempo destinato alle chiatte che rifornivano di ogni merce la vecchia Milano, dal marmo del Duomo al riso dell’Oltrepo’. Partiti dall’Alzaia del Naviglio Grande dopo pochissimi metri si può ammirare il Vicolo dei Lavandai, proseguendo si arriva presso il Palazzo Galleoni dove ha sede il centro dell’incisione e di seguito si raggiunge uno dei più significativi complessi monumentali della zona ovvero la chiesa, il Ponte e il lavatoio di San Cristoforo. Superata la chiesa l’imbarcazione farà inversione di marcia per tornare verso il Vicolo dei Lavandai e, passando sotto il ponte detto dello “Scodellino”, si entra nella Darsena, un tempo autentico porto di interscambio per il commercio con il Lago Maggiore. Detto così già si può intuire l’importanza di questi canali ma c’è un dato in più: il Naviglio Grande è stata la prima opera del genere a essere realizzata in Europa e storicamente è una delle più grandi infrastrutture di ingegneria dell’alto Medioevo visto che risale al 1177.

Terminata la navigazione il programma prevede tempo libero da trascorrere passeggiando nel quartiere, tra il Naviglio Grande e il Naviglio Pavese, in particolare nel tratto compreso tra la darsena e la circonvallazione (viale Tibaldi, viale Cassala). Qui si concentra la maggior parte dei locali e delle attrattive che hanno reso celebre questo angolo di Milano, recentemente inserito dall’autorevole New York Times tra le 12 strade più belle di altrettante città europee.

Ore 14.15 trasferimento in pullman in Corso Magenta e visita a un luogo della Milano nascosta e segreta: la Vigna di Leonardo e la Casa degli Atellani.

Proprio a due passi dal Cenacolo, si potrà visitare la rinata vigna, quella che Ludovico Sforza, (duca di Milano) donò a Leonardo nel 1498, come segno di riconoscenza per la realizzazione dell'Ultima Cena; 16 pertiche di viti di Malvasia di Candia Aromatica, di cui oggi si sono recuperati i camminamenti dei filari e persino il DNA che, a distanza di secoli, ha permesso di far rinascere la Vigna di Leonardo. L’artista, appassionato di vini, apprezzò non poco questo regalo che, tra l’altro, gli avrebbe consentito di ottenere la tanto agognata cittadinanza milanese, ma il sogno non si avverò perché, pochi mesi dopo, Ludovico Sforza decadde. Comunque il vigneto continuò a rivestire un profondo valore affettivo per Leonardo.

Oltre al vigneto si visiterà anche il Palazzo degli Atellani, un’autentica casa-museo resa accessibile al pubblico pur rimanendo luogo privato. Ancor oggi appartiene ai discendenti della famiglia Conti che, all’inizio del Novecento, recuperò la dimora quattrocentesca di Giacomotto della Tela (Atellani), a cui il duca, Ludovico il Moro, donò questa casa nella zona di Porta Vercellina. Sono visitabili il suggestivo cortile, alcune sale affrescate nei primi decenni del XVI sec. e il lussureggiante giardino che ci si aspetterebbe di vedere in una villa di campagna, non certo in un palazzo cittadino.

Il pomeriggio prosegue con la visita al CENACOLO.

Ore 15.30 incontro con la guida e distribuzione auricolari. Dopo un’ampia introduzione all’aperto si accede al Convento Domenicano di Santa Maria delle Grazie dove, nell’ex refettorio, è esposto il capolavoro rinascimentale più noto al mondo e l’apice professionale di Leonardo da Vinci, il Cenacolo o Ultima cena, patrimonio dell’Unesco e capolavoro assoluto della storia dell’arte, una delle opere d’arte più importanti di tutti i tempi sia per la sua carica innovativa che per l’impatto che ebbe sugli artisti di tutte le epoche. Leonardo rappresenta il momento più drammatico del Vangelo quando Cristo annuncia il tradimento di uno degli apostoli.

Innanzitutto stupiranno le dimensioni: l’opera misura 880 cm di lunghezza e 460 cm di altezza. Poi si rimane stupefatti di fronte alla sua imponenza, anche perché la stanza è volutamente spoglia e semplice: l’attenzione è tutta sul dipinto, ci sono mille particolari da guardare, l’espressione dei volti, la postura dei corpi, il movimento delle mani.

Il sapiente uso della prospettiva contribuisce a far sentire lo spettatore parte della scena.

Il programma continua con la visita dell’adiacente Chiesa di Santa Maria delle Grazie, una delle più belle chiese d’Italia e punto di riferimento per l’architettura milanese legata al nome del grande Leonardo da Vinci e di Donato Bramante.

           

Ore 18,00 circa termine della visita, ritrovo al pullman e partenza per il rientro in Valtellina.

  
Il viaggio verrà effettuato con un minimo di 25 persone.
QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE € 90,00
  
La quota comprende:

Viaggio in pullman Gran Turismo – navigazione Naviglio Grande con spiegazione - ingresso a “La Vigna e Palazzo degli Atellani – ingresso al Cenacolo con visita guidata e ausilio di audioguide – assicurazione – accompagnatore.

La quota non comprende:

Extra di carattere personale; tutto quanto non espressamente indicato alla voce “la quota comprende”
 
PRENOTA CLICCANDO QUI