FESTA DELL'UVA A MERANO

FESTA UVA MERANO SITO

FESTA DELL'UVA

MERANO

DOMENICA 20 OTTOBRE

Ogni anno nel terzo fine settimana di ottobre a Merano ha luogo la ormai tradizionale festa dell’uva. Dopo diversi mesi di duro lavoro nei campi, frutteti e vigneti, è arrivato finalmente il tempo per concludere la stagione della raccolta e celebrare la festa del ringraziamento come si deve. Il culmine dell’evento è la sfilata attraverso le vie della città: carri ornamentati con fiori, fiocchi, frutta e campane, bande musicali, gruppi folcloristici e i “Schützen” attraversano le vie della città di Merano. C’è tantissimo da ammirare, dai cavalli Avelignesi fino ai costumi tradizionali dei gruppi folcloristici. Inoltre, sulla Passeggiata Lungo Passiria, hanno luogo diversi concerti delle bande musicali. Ma i carri del corteo sono la parte più importante della sfilata. Trainati da trattori e cavalli i carri sono ornamentati con frutta, foglie, fiori e naturalmente anche con la famosa “corona di mele”. Innumerevoli mele, gialle, verdi e rosse formano questo simbolo di ringraziamento.

Programma di viaggio

In prima mattinata partenza dai luoghi stabiliti in pullman Gran Turismo.

Ore 10.30 circa arrivo a MERANO.

Giornata libera da trascorrere lungo le vie della città nell’elegante ed esclusivo centro storico attraversato dal corteo allegorico e rallegrato da bande musicali, gruppi con costumi tradizionali, cavalli e carrozze, i carri con la corona di mele ed il gigantesco grappolo d’uva.

Pranzo libero: sarà possibile gustare l’immancabile cucina tradizionale con i tipici prodotti tirolesi nei vari stand allestiti o nei ristoranti e ristori della città.

Ore 17.30 partenza per il viaggio di rientro che si concluderà in serata nei luoghi di partenza.

Documenti di viaggio: Passaporto o carta identità (senza timbro di proroga) in corso di validità. Nessun rimborso spetterà a coloro che non potranno iniziare o proseguire il viaggio causa mancanza o inesattezza dei documenti.

  Il viaggio verrà effettuato con un minimo di 30 persone.

QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE                € 50,00
 

  La quota comprende:

viaggio in pullman Gran Turismo – accompagnatore – assicurazione sanitaria.

La quota non comprende:

Extra di carattere personale; tutto quanto non espressamente indicato alla voce “la quota comprende”
 
 

FESTA DEL TORRONE A CREMONA

FESTA TORRONE SITO

FESTA DEL TORRONE A CREMONA

SABATO 23 NOVEMBRE

 

UNO SPETTACOLO DI PROFUMI, SAPORI, EVENTI E PERSONE

Programma di viaggio

Ritrovo nei luoghi e agli orari stabiliti in fase di prenotazione, sistemazione in pullman e partenza per Cremona.

Breve sosta di ristoro durante il percorso, prima di raggiungere la città.

All’arrivo, ore 10.00 circa incontro con la guida presso la chiesa di S. Sigismondo, meraviglioso monumento, gioiello architettonico e pittorico del Rinascimento lombardo. É il luogo dove venne celebrato il matrimonio tra Bianca Maria Visconti e Francesco Sforza. La chiesa, affidata ai monaci Gerolomini verso la metà del XV secolo e ricostruita a partire dal 20 giugno 1463 con la posa della prima pietra, tuttora visibile dietro l'altare maggiore, venne progettata per volontà di Bianca Maria Visconti a ricordo appunto del suo matrimonio avvenuto nel 1441.

A seguire, visita guidata dell’affascinante centro storico medievale della città dove si trova la Piazza del Comune su cui si affaccia il Palazzo Comunale; il Torrazzo, una delle torri campanarie in muratura più alte d'Europa dal quale si vedono i tetti delle chiese di Sant'Agostino e San Pietro; il Battistero di San Giovanni Battista, situato accanto al duomo della città, alto 34 metri in stile romanico; la Loggia dei Militi e il Duomo dedicato a Santa Maria Assunta che rappresenta, dal punto di vista artistico, uno dei principali e più insigni esempi di architettura religiosa del Nord Italia. È conosciuto come “la Cappella Sistina della Pianura Padana” per il ciclo affrescato cinquecentesco della navata centrale. Si prosegue verso Piazza Roma e Piazza Stradivari, nei luoghi stradivariani per eccellenza: il quartiere dei liutai dove il grande genio stanziò la sua bottega e la piazza dove fu sepolto nel 1737.

Al termine della visita (ore 12.30 circa) tempo a disposizione per il pranzo libero, e per visitare liberamente la famosissima Festa del Torrone che trasforma la città in capitale nazionale dell’intrattenimento e del dolce star bene.

L’edizione 2019 ha come tema “GENIO E CREATIVITÀ. OMAGGIO A LEONARDO DA VINCI” per celebrare il protagonista assoluto del Rinascimento nel cinquecentesimo anniversario della scomparsa.

Si potrà passeggiare degustando la miglior produzione di torrone e dolciumi provenienti da ogni parte d’Italia e dall’estero: centinaia di banchi lungo le strade del centro saranno ricoperti di torroni speciali per tutti i gusti, che celebrano il dolce cremonese nei modi più originali: dalle ricette gourmet al gelato da passeggio, dalle preparazioni con pistacchi, cioccolato, caffè, limoncello alle ricette salate più fantasiose, passando per i torroni artigianali preparati al momento e con ingredienti naturali di altissima qualità. La leggenda vuole che, nel 1441, durante il banchetto di nozze di Francesco Sforza e Bianca Maria Visconti, venne servita una prima versione del torrone cremonese.

Moltissime le iniziative in programma con spettacoli, concerti, infiorate, performance di arti di strada, ed altro ancora, tutte all’insegna del prodotto principe della manifestazione, il torrone.

Ore 18.00 ritrovo al pullman e partenza per il rientro in Valtellina dove l’arrivo è previsto in tarda serata.

  Il viaggio verrà effettuato con un minimo di 30 persone.

 
QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE                EURO 53,00
La quota comprende:

Viaggio in pullman Gran Turismo – visita guidata di Cremona con utilizzo di radiocuffie - accompagnatore –

assicurazione sanitaria.

La quota non comprende

gli extra personali e tutto quanto non indicato alla voce “la quota comprende”.

 

Come funziona 

PRENOTA O RICHIEDI INFORMAZIONI CLICCANDO QUI 

IL CENACOLO DI LEONARDO

CEN SITO

IL CENACOLO DI LEONARDO

SANT'EUSTORGIO E LE RELIQUIE DEI RE MAGI

GIOVEDI 2 GENNAIO

 

Programma di viaggio

Partenza in pullman dai punti di ritrovo e agli orari concordati in fase di prenotazione.

Sistemazione in pullman e partenza per Milano.

Arrivo previsto alle ore 10.15 circa e incontro con la guida in Piazza Santa Maria delle Grazie.

Qui, dopo un’ampia introduzione all’aperto, si accede al Convento Domenicano di Santa Maria delle Grazie dove, nell’ex refettorio, è esposto il capolavoro rinascimentale più noto al mondo e l’apice professionale di Leonardo da Vinci, il Cenacolo o Ultima cena, patrimonio dell’Unesco e capolavoro assoluto della storia dell’arte; una delle opere d’arte più importanti di tutti i tempi sia per la sua carica innovativa che per l’impatto che ebbe sugli artisti di tutte le epoche. Leonardo rappresenta il momento più drammatico del Vangelo quando Cristo annuncia il tradimento di uno degli apostoli.

Innanzitutto stupiranno le dimensioni: l’opera misura 880 cm di lunghezza e 460 cm di altezza. Poi si rimane stupefatti di fronte alla sua imponenza, anche perché la stanza è volutamente spoglia e semplice: l’attenzione è tutta sul dipinto, stupiscono le figure, la composizione, lo sfondo ….

Ci sono mille particolari da guardare.

Il programma continua con la visita dell’adiacente Chiesa di Santa Maria delle Grazie, una delle più belle chiese d’Italia e punto di riferimento per l’architettura milanese legata al nome del grande Leonardo da Vinci e di Donato Bramante.

Alle 12.30 circa trasferimento in pullman in zona Porta Ticinese, sui Navigli.

Tempo a disposizione per il pranzo libero.

Ore 14:30 circa incontro con la guida e visita a Sant'Eustorgio.

A seguire passeggiata con la guida tra il Naviglio Grande e il Naviglio Pavese dove si concentra la maggior parte dei locali e delle attrattive che hanno reso celebre questo angolo di Milano, recentemente inserito dall’autorevole New York Times tra le 12 strade più belle di altrettante città europee. La progressiva interdizione al traffico veicolare, l’apertura di nuove attività commerciali ed il recente intervento di ristrutturazione della vecchia darsena, inaugurata per l’apertura di EXPO 2015, hanno letteralmente fatto “esplodere” l’intero quartiere, ad oggi tra le zone più amate e frequentate da turisti e abitanti. La darsena è finalmente tornata agli antichi fasti e la riqualificazione dei moli e delle banchine hanno reso l’area un luogo ideale per passeggiare, chiacchierare e bere l’aperitivo immaginando di trovarsi ad Amsterdam o Stoccolma.

Assaporando il clima natalizio si raggiunge la BASILICA DI SANT’EUSTORGIO, una tra le opere artistiche della capitale lombarda troppo spesso trascurate. L’edifico religioso si presenta agli occhi dei visitatori con la sua mole in cotto: è una chiesa dal passato paleocristiano, ricostruita in età romanica ma interessata anche da aggiunte medievali e rinascimentali.

La Chiesa di Sant’Eustorgio rappresenta uno dei luoghi di culto più importanti e più antichi di Milano e si lega all’affascinante leggenda dei Re Magi secondo la quale qui si fermò il carro trainato dai buoi che trasportava in una pesante arca di pietra i corpi di Gaspare, Melchiorre e Baldassarre, i Re Magi. Il Vescovo Eustorgio, che le aveva ricevute in dono dall’imperatore Costante, interpretò questo evento come un segno e decise di edificarvi una basilica.

Rimasti per secoli a proteggere i milanesi, nel 1162 Federico I, detto il Barbarossa, trafugò le sacre spoglie dei Magi portandoli a Colonia, dove tuttora riposano in un aureo sepolcro nella Cattedrale della città. Solo all’inizio del Novecento la Chiesa ambrosiana riuscì a farsi restituire alcune preziose reliquie fortificando l’antico culto di Sant’Eustorgio.

Leggende a parte, entrando in basilica si nota subito come le cappelle laterali testimoniano la presenza di personaggi illustri e di pittori che si sono succeduti nel corso dei secoli all’interno di queste mura. Tra le innumerevoli opere che meritano una visita approfondita spiccano il monumento funebre di Stefano Visconti, affreschi di artisti lombardi del 1300, la Cappella dei Mago e la Leggenda dei sette dormienti, affresco datato 1578.

Rimasti per secoli a proteggere i milanesi, nel 1162 Federico I, detto il Barbarossa, trafugò le sacre spoglie dei Magi portandoli a Colonia, dove tuttora riposano in un aureo sepolcro nella Cattedrale della città. Solo all’inizio del Novecento la Chiesa ambrosiana riuscì a farsi restituire alcune preziose reliquie fortificando l’antico culto di Sant’Eustorgio.

Leggende a parte, entrando in basilica si nota subito come le cappelle laterali testimoniano la presenza di personaggi illustri e di pittori che si sono succeduti nel corso dei secoli all’interno di queste mura. Tra le innumerevoli opere che meritano una visita approfondita spiccano il monumento funebre di Stefano Visconti, affreschi di artisti lombardi del 1300, la Cappella dei Mago e la Leggenda dei sette dormienti, affresco datato 1578.

Ma la vera protagonista è la Cappella Portinari, costruita nel 1462 per il nobile banchiere Pigello Portinari, considerata tra le opere più belle del Rinascimento milanese.

La cappella, completamente affrescata da Vincenzo Foppa grande maestro del Rinascimento lombardo prima dell’arrivo di Leonardo, conserva la celebre arca marmorea di S.Pietro Martire, capolavoro del toscano Giovanni di Balduccio da Pisa. Costituisce la più evidente testimonianza dell'applicazione dell'architettura di stampo fiorentino nella Milano del Quattrocento.

Ore 17.00 termine delle visite guidate e ritrovo al pullman.

Partenza per il rientro in Valtellina dove l’arrivo è previsto in prima serata.

  Il viaggio verrà effettuato con un minimo di 25 persone.

 
QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE                EURO 75,00
La quota comprende:

Viaggio in pullman Gran Turismo – ingressi e visite guidate al Cenacolo e alla Basilica di Sant’Eustorgio – utilizzo di radio cuffie - accompagnatore – assicurazione sanitaria.

La quota non comprende

gli extra personali e tutto quanto non indicato alla voce “la quota comprende”.

 

Come funziona 

PRENOTA O RICHIEDI INFORMAZIONI CLICCANDO QUI 

SONCINO E CREMONA

SONCINO

SONCINO E CREMONA

FESTA DEL TORRONE

DOMENICA 17 NOVEMBRE

 

Programma di viaggio

Ritrovo agli orari e nei luoghi convenuti in fase di prenotazione, sistemazione in pullman e partenza verso Soncino. Sosta in autogrill lungo il tragitto.

Ore 10.00 circa arrivo a SONCINO e incontro con la guida per la visita del borgo, un vero e proprio museo a cielo aperto, capace di far dimenticare in poche ore stress, traffico e modernità.

Un borgo tranquillo e affascinante inserito a pieno titolo fra i Borghi più belli d'Italia; una piccola città ricca di sorprese. Il borgo si raggiunge attraversando il ponte sotto cui scorre l'Oglio e appena entrati si fa un tuffo nel passato. Visita della Rocca sforzesca, che risale al X secolo: una cinta muraria difensiva eretta contro l’invasione degli Ungari considerata oggi l’esempio di architettura militare meglio conservata della Lombardia. In seguito i Cremonesi e nel 1391 i Milanesi, ne fecero una testa di ponte contro l'espansionismo di Venezia. Il cortile principale è attorniato da quattro torri in mattoni rossi, tre a pianta quadrata ed una cilindrica. Verso il borgo, sorge un caratteristico rivellino separato dalla Rocca e dal borgo da quattro ponti levatoi. Dall'alto della Rocca, oltre al panorama, spicca una costruzione di colore giallo molto grande, è la Filanda Meroni, oggi Museo della seta. Passeggiata nel Borgo medievale con i palazzi decorati da fregi in cotto, con mulini ed un antico percorso lungo le mura venete che circondano il borgo medioevale.

Ingresso alla Casa degli Stampatori dove è possibile visitare la vecchia stamperie ebraica del XV secolo con una ricostruzione fedele di un torchio del 1400 e alcune interessanti pubblicazioni dei secoli passati.

Al termine della visita guidata è previsto il pranzo in Ristorante.

Sistemazione in pullman e trasferimento a CREMONA (50 Km circa).

Torroni speciali per tutti i gusti, che celebrano il dolce cremonese nei modi più originali: dalle ricette gourmet al gelato da passeggio, dalle preparazioni con pistacchi, cioccolato, caffè, limoncello alle ricette salate più fantasiose, passando per i torroni artigianali preparati al momento e con ingredienti naturali di altissima qualità. La leggenda vuole che, nel 1441, durante il banchetto di nozze di Francesco Sforza e Bianca Maria Visconti, venne servita una prima versione del torrone cremonese.

Nella splendida cornice dei Giardini di Piazza Roma, sarà allestita un’area Street Food, dove il pubblico della Festa potrà ammirare splendidi truck e gustare prelibatezze fatte sul momento dagli stessi.

Ore 18.00 circa ritrovo al pullman e partenza per il viaggio di rientro in Valtellina con arrivo in tarda serata.

  Il viaggio verrà effettuato con un minimo di 30 persone.

 
QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE                EURO 85,00
La quota comprende:

Viaggio in pullman Gran Turismo – visita di Soncino con guida con biglietti d’ingresso inclusi – pranzo in ristorante con menù tipico e bevande incluse – accompagnatore d’agenzia – assicurazione

La quota non comprende

gli extra personali e tutto quanto non indicato alla voce “la quota comprende”.

 

Come funziona 

PRENOTA O RICHIEDI INFORMAZIONI CLICCANDO QUI 

INNSBRUCK E SWAROVSKI

mercatino di natale INNSBRUCK sw

INNSBRUCK E IL MONDO SWAROSVKI

DOMENICA 24 NOVEMBRE

 

Programma di viaggio

Ritrovo nei luoghi e agli orari stabiliti in fase di prenotazione.
Viaggio verso l’Austria via Tirano-Passo Bernina-Engadina.  Sosta per la prima colazione a Imst presso il particolarissimo autogrill Trofana Tyrol, ricostruzione di un villaggio tirolese.
Proseguimento del viaggio alla volta di Innsbruck dove l’arrivo e’ previsto per le ore 10.15. 
Giornata a disposizione da trascorrere tra i vari mercatini allestiti in città, tra i più apprezzati in scala internazionale.
Proprio di fronte al simbolo di Innsbruck, il cosidetto “tettuccio d’oro”, si tiene l’Innsbrucker Christkindlmarkt, letteralmente tradotto come il mercatino del Bambino Gesù di Innsbruck.
Le bancarelle sono una miniera inesauribile di addobbi per l’albero, opere di artigianato artistico, prodotti in lana e altri regalini. 
Simpatica è una passeggiata nella Kiebachgasse che a dicembre si trasforma in vicolo delle favole:
i personaggi delle favole più famose osservano i passanti dall’alto di facciate, balconi e cuspidi.
Il mercatino continua sulla Maria-Theresien Strasse, la via più prestigiosa di Innsbruck adornata da alberelli e piccole luci. Le bancarelle offrono specialità culinarie invernali e idee regalo.
Un altro mercatino che sembra un piccolo paese è allestito nella Marktplatz che costeggia l’Inn.
Il pranzo è libero.
 
Alle ore 14.30 circa ritrovo al parcheggio pullman e trasferimento a WATTENS, 16 chilometri ad est di Innsbruck, dove ci attende un magico mondo: i MONDI DI CRISTALLO SWAROVSKI, aperti nel 1995 in occasione del 100° anniversario della ditta Swarovski. Già l’ingresso stupisce i visitatori: un gigante alpino dagli occhi sfavillanti e dalla cui bocca escono acque cristalline. Dopo una breve introduzione in lingua italiana i visitatori saranno liberi di scoprire i tesori del gigante individualmente. Il percorso a senso unico conduce attraverso le Camere delle Meraviglie e permette di raggiungere direttamente il più grande negozio di Swarovski del mondo.
Alle ore 17.30 circa è previsto il ritrovo al pullman e la partenza per il viaggio di ritorno. 

  Il viaggio verrà effettuato con un minimo di 30 persone.

 
QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE                EURO 68,00
BAMBINI 6 - 14 ANNI                                                       EURO 60,00
La quota comprende:

Viaggio in pullman Gran Turismo–biglietto d’ingresso a Swarovski - assicurazione e accompagnatore.

La quota non comprende

gli extra personali e tutto quanto non indicato alla voce “la quota comprende”.

 

Come funziona 

PRENOTA O RICHIEDI INFORMAZIONI CLICCANDO QUI 

Pagina 1 di 8