VARENNA, BELLAGIO E VILLA CARLOTTA

villa carlotta2 1024x1024

 VARENNA, BELLAGIO E VILLA CARLOTTA

GIOVEDI' 16 LUGLIO

Programma di viaggio:
Ritrovo nei luoghi e agli orari stabiliti in fase di prenotazione. Itinerario viaggio via Tirano – Colico.
Alle ore 10.00 circa arrivo a VARENNA, il borghetto affacciato sul Lago di Como molto amato dai turisti per i suoi vicoli pittoreschi, le casette colorate e l’atmosfera romantica che lo caratterizza. Tempo a disposizione per percorrere la “Passeggiata degli innamorati”, un percorso pedonale che collega l’imbarcadero con il centro storico del borgo tramite una struttura metallica ricoperta di piante rampicanti alla cui base è fissata una passerella che costeggia il lago. Numerosi sono i punti di osservazione perfetti per scattare qualche foto e ammirare il panorama offerto dal Lago di Como e dalle montagne circostanti. Al termine della passerella ci si trova nel cuore del centro storico dove si trovano piccoli bar e gelaterie, boutique, negozietti di artigianato e souvenir. Un dedalo di vicoletti, viuzze in salita e ripide scalinate si inerpicano sulla collina alle spalle di Varenna.
Si ritorna alla piazzetta dell’imbarcadero per l’imbarco sul traghetto che in circa 15 minuti raggiunge BELLAGIO. Incantevole meta turistica, definita la Perla del Lago di Como, Bellagio è celebre per la sua posizione geografica davvero esclusiva, all’incrocio dove il lago si divide in due rami. La località gode di un clima particolarmente mite, soleggiato e temperato dovuto all’influsso benefico della grande massa d’acqua del lago. Questo permette una vegetazione spettacolare, composta da ulivi, fiori coloratissimi, cipressi e addirittura palme e agrumi.
Tempo libero alla scoperta di Bellagio passeggiando nel pittoresco centro storico. La città è situata su due livelli: la parte inferiore vicino al lago e la parte più alta che richiede un po' di salita su strade acciottolate e scalinate, tra vecchie case colorate e i negozi di una volta che conservano un fascino tutto particolare. Qui si può acquistare la seta migliore d’Europa. Molto bella la Piazza della Chiesa con l’interessante Chiesa Romanica di San Giacomo e una vecchia torre campanaria.
Bellagio è conosciuta anche per le sue incantevoli ville, famose per lo sfarzo e per i loro giardini curatissimi. Una delle più belle è Villa Melzi, splendida villa del 1800 in stile neoclassico posta all’interno di una immensa area verde che ospita reperti di grande valore artistico e storico. I bellissimi giardini botanici con un gran numero di piante e alberi esotici, il museo e una cappella sono aperti al pubblico. 
Con la passeggiata lungolago si potranno ammirare incredibili panorami sul lago e sui monti.
Il pranzo è libero. Numerosi i bar e gelaterie all’aperto e i ristoranti che propongono le specialità gastronomiche del posto (tipici i pesci di lago come gli agoni o i “misultitt”).
Nel primo pomeriggio ritrovo all’imbarcadero. Trasferimento in battello a Tremezzina (15 minuti circa) per raggiungere a piedi VILLA CARLOTTA.
Ingresso e visita libera al Parco e al Museo. La storia: Villa Carlotta fu costruita alla fine del 1600 su volere del marchese Giorgio Clerici come dimora imponente ma sobria con giardini all’italiana. Due secoli più tardi divenne proprietà di Gian Battista Sommariva, politico, collezionista d’arte e amico personale di Napoleone. Con lui la villa toccò il massimo splendore: gli interni della villa si arricchirono di opere raffinate, tra cui sculture di Canova e uno stupefacente dipinti di Hayez, “L’ultimo bacio di Romeo e Giulietta” e il giardino si trasformò in uno straordinario parco romantico. Più tardi la dimora passò a Marianna di Orange, principessa dei paesi Bassi e di Prussia. Fu lei a regalarla alla figlia Carlotta in occasione delle sue nozze col duca Giorgio II di Sassonia. I due sposini trascorsero poco tempo nella sfarzosa residenza, a causa di impegni diplomatici e familiari. La giovane Carlotta diede alla luce tre figli ma morì partorendo il quarto. Aveva solo 23 anni. Alla morte di Carlotta, la villa passò in eredità al marito Giorgio, che se ne occupò con cura commovente. Appassionato botanico, grazie alle sue cure, il giardino botanico di Villa Carlotta si arricchì e divenne lo straordinario patrimonio naturalistico che è oggi. Il giardino terrazzato si estende per circa 70.000 mq e ospita oltre 500 specie di piante. Presenta i vari gusti che si sono susseguiti nei secoli: un giardino all’italiana con alte siepi, fontane, giochi d’acqua e pergolati d’agrumi: un romantico Parco all’inglese con grotte, vialetti e suggestivi scorci panoramici; il Giardino roccioso fra i viali di ciottolato e ghiaia; la Valle delle Felci, il Bosco dei Rododendri, il Giardino di Bambù ispirato alle tecniche dei giardini giapponesi con cascatelle e ruscelli, sequoie secolari ed il Museo degli Attrezzi Agricoli, ospitato all’interno della serra. Prosegue la visita al Museo, al piano terra della Villa, dedicato all’arte: il Salone dei Marmi, la Sala Gessi, la Sala dei Cammei, la Sala di Palamede, la Sala di Amore e Psiche, …..
Terminata la visita, nel tardo pomeriggio, sistemazione in pullman e inizio viaggio per il rientro in Valtellina dove l’arrivo è previsto in serata nelle varie località di partenza. 
 
 
 
QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE ADULTO EURO 56,00
 
Il viaggio verrà effettuato con minimo 25 persone partecipanti

E’ garantita una giornata in sicurezza nel rispetto delle norme al momento previste dal Ministero della Salute.

 
La quota comprende: 

Viaggio in pullman Gran Turismo - Ingresso a Villa Carlotta (Parco e Museo) – trasferimenti in battello - Assicurazione medico sanitaria - accompagnatore.

La quota non comprende:

Eventuali extra personali e tutto quanto non specificato alla voce “la quota comprende”.

PRENOTA O RICHIEDI INFORMAZIONI CLICCANDO QUI